Gli Strumenti di trading online sono utili per individuare il futuro andamento del prezzo di uno specifico Asset sul quale andremo ad operare. Capire il funzionamento degli strumenti di trading fa parte del bagaglio del trader professionista.

Gli indicatori di trading, l’analisi tecnica, l’analisi fondamentale ed i grafici di trading online sono gli strumenti più utilizzati dai trader di tutto il mondo che siano principianti o trader professionisti. Quindi per operare sui mercati in modo professionale senza correre inutili rischi è indispensabile seguire i seguenti 5 passaggi:

  1. Scegliere una delle migliori piattaforme di trading, accertandosi che si regolamentata, sicura e autorizzata da un ente specifico (CySEC, CONSOB, FCA);
  2. Utilizzare strumenti di trading utili e professionali;
  3. Aprire un Conto Demo gratuito per testare la piattaforma;
  4. Operare attraverso strategie di trading online, perfezionare la gestione del capitale e il fattore psicologico;
  5. Perfezionare l’utilizzo della leva finanziaria, lo stop loss e il take profit.

Partiamo con una definizione di Analisi tecnica e soprattutto a cosa serve.

L’Analisi tecnica nel Trading online

L’obiettivo dell’utilizzo dell’analisi tecnica è riuscire a capire in anticipo i vari andamenti del mercato (L’analisi tecnica può essere utilizzata per tutti i segmenti di mercato e a diversi intervalli di tempo), questo attraverso lo studio dei grafici e dei dati storici di un determinato Asset.

3 Principi fondamentali dell’Analisi tecnica:

  1. Il mercato: L’analisi tecnica non si concentra su eventi macroeconomici e politici, L’analisi tecnica si concentra sul grafico, sulle forme, modelli e informazioni presenti sul grafico.
  2. I prezzi: I prezzi di uno strumento seguono le tendenze. Questo vuol dire che il trading è basato sulle probabilità, allo scopo di estendere la probabilità di guadagno di un investitore, il trader dovrebbe negoziare nella direzione del trend.
  3. La storia: La storia si ripete. Questo vuol dire che i grafici tendono a formare forme storicamente verificatesi e l’analisi tecnica dei modelli passati aiuta chi analizza a prevedere i futuri movimenti del mercato.

Maggiori informazioni: Analisi tecnica nel Trading online Definizione e utilizzo

L’Analisi fondamentale nel Trading online

Questo tipo di analisi è teoricamente opposto all’analisi tecnica, mentre in teoria è sicuramente di aiuto. L’analisi fondamentale si concentra nello studio di fattori esterni ed interni, per capire come si muove il mercato.

Un esempio di analisi fondamentale su un asset azionario, in questo caso si concentra sulle informazioni inerenti all’azienda come bilancio, utili, previsioni, notizie di carattere economico, situazione politica e sociale legate al paese coinvolto con il prodotto che si sta valutando.

Ora passiamo agli indicatori di trading, vediamo quali sono i più utilizzati e come funzionano.

Tradingonlineguida.it ha selezionato i Migliori indicatori di trading grazie ai quali è possibile fare una previsione del prezzo di un Asset di trading come azioni, indici, materie prime, coppie di valute o criptovalute.

Indicatore Alligator

Nel trading online l’indicatore Alligator è conosciuto anche come indicatore Coccodrillo.

Gli è stato affibbiato questo nome a causa delle sue caratteristiche grafiche che ricordano la figura di un coccodrillo. Esattamente si parla di tre linee (medie mobili) colorate dove la blu rappresenta la mascella, la rossa i denti e la verde le labbra. Esordì nel trading online nel 1995, a scoprirla fu il trader Bill Williams.

Le medie mobili di questo indicatore ci permettono di determinare le funzioni di livelli e di supporto della resistenza dei prezzi. Molto utile per chi vuole seguire i trend che sono momentaneamente in corso.

Maggiori informazioni: Indicatore Alligator nel trading online

Indicatore MACD

Uno degli strumenti più utilizzati nell’analisi tecnica è l’indicatore MACD.

Non a caso il suo nome, MACD è l’acronimo di Moving Average Convergence Divergence che tradotto in italiano è appunto Media Mobile Convergenza/Divergenza. In questo articolo tratteremo in modo approfondito cos’è e come funziona, quali segnali può dare e perché questo indicatore è molto popolare tra i trader.

Questo strumento ci aiuta a capire se il trend avrà una durata oppure no, inoltre il MACD è molto intuitivo e il grafico viene compreso anche dai traders non esperti.

Maggiori informazioni: Indicatore MACD Cos’è e come funziona

Oscillatore Stocastico

Per chi è esperto di analisi tecnica sa già di cosa stiamo parlando. L’oscillatore stocastico è uno dei più conosciuti e apprezzati appunto per chi nel trading online si avvale dell’analisi tecnica.

Il suo successo non è casuale, si tratta di un oscillatore molto utile e facile da capire. Questo oscillatore ci aiuta ad identificare sia i massimi che i minimi del mercato, o meglio va a determinare le condizioni di ipervenduto e ipercomprato.

L’Oscillatore Stocastico si può applicare in tre modi:

  • Fast;
  • Slow;
  • Full.

Ognuna delle quali ha dei differenti utilizzi e settaggi.

Per utilizzarlo però è necessario prima di tutto sapere cos’è e come si utilizza.

Maggiori informazioni: Oscillatore Stocastico. Cos’è e come si utilizza

Oscillatore CCI

Per fare trading online è fondamentale che i trader conoscano e sappiano utilizzare l’analisi tecnica mettendola in pratica su un grafico. In caso contrario il trader il più delle volte chiude le sue operazioni in perdita.

Di norma questo Oscillatore viene sempre associato ad altri strumenti, questo per avere dei segnali più sicuri, la sua funzione principale è quella di rintracciare all’interno dei mercati le situazioni di ipercomprato e ipervenduto, questo per trovare possibili cambiamenti di trend.

L’Oscillatore CCI È uno dei più conosciuti e usati da chi appunto si serve dell’analisi tecnica per le loro operazioni di trading.

Maggiori informazioni: Oscillatore CCI Come utilizzarlo

Media Mobile Esponenziale (EMA)

L’indicatore EMA è il più famoso quando si parla di Forex, con esso si possono prevedere le tendenze di mercato. E’ molto apprezzato dai traders in quanto il suo calcolo aiuta a capire e trovare i trend di mercato.

La Media Mobile Esponenziale si effettua in un range di giorni che variano tra i 12 e i 26 e si determina utilizzando tre fattori:

  • Costante e smoothing;
  • valore antecedente alla stessa EMA;
  • Prezzo corrente.

Di solito questo indicatore viene utilizzato insieme all’RSI e al MACD, in questo modo le misurazioni sono molto più attendibili.

Indicatore RSI

L’indicatore RSI o meglio detto Relative Strenght Index è anch’esso molto utilizzato sia da esperti che non. L’RSI segnala al trader le zone di ipercomprato e di ipervenduto e misura l’estensione della velocità dei prezzi.

L’RSI produce dei segnali che si possono suddividere in questi tre segnali:

  • Divergenza dei prezzi in valuta;
  • interazione con le linee di tendenza;
  • Spostamento sia sopra che sotto delle linee di attinenza.

Grazie a queste indicazioni l’RSI ci fa comprendere una possibile inversione di tendenza, quando i prezzi potrebbero raggiungere l’apice. Di solito questo indicatore viene settato a 14 giorni.

Indicatore Parabolic SAR

L’indicatore Parabolic SAR non ha una base temporale, questo vuol dire che la sua struttura si basa sulla costruzione delle medie mobili. Utilizzare il Parabolic SAR aiuta i traders a ridurre il rischio di perdite.

Oltre ad arginare le perdite il Parabolic SAR vi aiuta ad interpretare gli andamenti dei mercati e anticipare i cambiamenti. Questo strumento ha una caratteristica basilare, che è quella di seguire il prezzo, e se vi sarà una caduta del prezzo lo stesso indicatore si fermerà con un stop invertendo la direzione. Di solito viene impiegato per strategie a breve termine e non è consigliato nei casi di assenza di trend sul mercato.

Vi consigliamo di utilizzarlo insieme ad altri indicatori e oscillatori

Indicatore SMI

L’indicatore SMI è lo strumento più tecnico che potrete utilizzare nelle vostre strategie di trading. Il SMI Ergodic Indicator venne formulato e sviluppato da William Blau nel 1993.

Questo indicatore mette in evidenza quale sia l’atteggiamento dei traders esperti e si basa su pattern di prezzo intraday.

Tale indicatore è stato sviluppato per sfruttare gli investimenti da parte degli investitori già esperti, questo perché chi è del settore non si fa trasportare dalle emozioni e avrà di conseguenza un atteggiamento differente verso gli investimenti.

Infatti l’SMI si basa sulle vendite e acquisti a fine giornata, dove non vengono effettuati investimenti emotivi, se volgiamo possiamo dire che l’SMI è un indicatore di trend.

Indicatore OBV

L’Indicatore OBV è uno dei primi indicatori introdotti in analisi tecnica, era il lontano 1963 quando Joseph Granville lo sviluppò. Questo indicatore è utilizzato per verificare l’andamento dei prezzi che devono essere confermati dalla presenza di volumi verso la crescita, dunque l’OBV si concentra sulla potenza dei volumi di crescita.

Ci sono due andamenti che OBV ha rispetto ai prezzi e sono i seguenti:

  • Convergente: L’indicazione specifica è quella di un consolidamento del trend in vita;
  • Divergente: In questo caso si vede come vi sia una perdita di forza.

OBV viene utilizzato per la maggiore nel mercato del Forex.

Oscillatore Envelopes

Un altro strumento molto utile per i vostri investimenti è l’oscillatore Envelopes.

Viene definito come un involucro nel quale si muovono i prezzi, questo strumento di analisi tecnica è raffigurabile come un involucro, le sue due linee contengono il trend.

Di solito viene accostato ad un altro strumento dal nome Bande di Bollinger, questo per migliorare l’affidabilità.

Il maggior utilizzo di questo oscillatore è nel Time freme e nel breve periodo.

Indicatore le Bande di Bollinger

Forse è l’indicatore più conosciuto, anche da chi di trading non se ne intende molto. Le Bande di Bollinger è un indicatore di volatilità, in sostanza è una media mobile che viene settata a 20 periodi.

Per chi non lo sapesse le Medie Mobili sono degli indicatori di analisi tecnica che servono per seguire l’andamento del mercato e capire quali sia la strategia migliore da utilizzare.

Le Bande di Bollinger ci suggeriscono le possibili fluttuazioni dei prezzi, che variano all’interno di un range. Anche questo indicatore viene utilizzato per individuare i livelli di ipercomprato e ipervenduto.

Oscillatore TRIX

L’oscillatore TRIX venne sviluppato nei primi anni 80′ ed è un oscillatore del “momentum”, ovvero venne progettato per individuare i movimenti di prezzo, anche se tali venivano classificati come irrilevanti.

La particolarità di TRIX è che può venire utilizzato sia come oscillatore che come indicatore, per questa caratteristica è diventato molto famoso e utilizzato in larga scala.

TRIX viene utilizzato come oscillatore quando deve indicare un mercato di ipercomprato oppure ipervenduto.

Invece viene utilizzato da indicatore quando vi è un moto momentum.

Oscillatore Indice di Williams %R

L’oscillatore Indice Williams %R è uno strumento di analisi tecnica ideato nel 1973 da Lerry Williams.

Questo strumento ci permette di individuare le divergenze sia rialziste che ribassiste.

I punti fondamentali di questo oscillatore:

  • Identificare le aree sia di ipercomprato che di ipervenduto;
  • Riesce a segnalare un inversione di trend almeno 1 oppure 2 periodi prima della realtà;
  • L’oscillatore si concentra sulle fasi di esaurimento di un trend.