Trading Azioni

Trading Azioni: Come investire in Azioni

Cosa sono le Azioni

Quando una società privata vuole aumentare il capitale di investimento offre le sue azioni al pubblico per la prima volta tramite un’offerta pubblica iniziale. Questo sistema si chiama IPO.

Una volta che un’azienda completa quest’offerta pubblica iniziale, le loro azioni diventano pubbliche e possono essere scambiate su un mercato azionario. 

I mercati azionari sono luoghi in cui gli acquirenti e i venditori di azioni si incontrano e fissano un prezzo da negoziare. 

Alcune Borse sono luoghi fisici in cui le transazioni vengono effettuate su una piattaforma commerciale, ma ci sono sempre più borse virtuali, che sono composte da reti di computer dove le transazioni sono effettuate e registrate in maniera elettronica.

I mercati azionari sono mercati secondari , dove i proprietari di azioni possono negoziare con potenziali acquirenti. 

È fondamentale capire che le società quotate sui mercati azionari non acquistano e vendono le proprie azioni su base regolare. 

Perciò quando si acquista una quota di azioni in Borsa, non la si sta acquistando dalla società, ma la si sta acquistando da qualche altro azionista esistente. 

Allo stesso modo, quando si vendono le proprie azioni, le si stanno vendendo a qualche altro investitore e non alla società.

Di per se le azioni rappresentano delle particelle di valore di un capitale unitario di una società quindi se un compratore decide di acquistarne una parte diventa conseguentemente comproprietario di quella determinata società a livello pari della percentuale di azioni che ha acquistato.

Le azioni possono essere di due generi, quelle che hanno una quotazione e quelle senza, l’unica differenza fra le due subentra nel caso in cui si debbano vendere in quanto quelle con quotazione sono più facili da cedere.

Lo scopo principale delle società quando emettono queste azioni è quello di raccimolare fondi dividendo il capitale unitario in piccole particelle.

Il compratore nel caso in cui le acquisti riceve automaticamente anche dei privilegi come il fatto di poter avere libera consultazione dei libri societari, la possibilità di incassare eventuali dividendi e partecipare alle assemblee societarie.

Le stesse azioni possono essere suddivise, in base alle esigenze societarie in sottocategorie e sono le seguenti:

  • Azioni di risparmio;
  • Azioni privilegiate;
  • Azioni a voto plurimo;
  • Azioni a voto maggiorato.

Il Trading azionario

Partiamo subito dicendovi che se avete intenzione di iniziare a fare trading online dovrete per forza di cose iniziare utilizzando i servizi interbancari che offre un broker legale, siamo consapevoli di essere ripetitivi ma questo è un punto di cruciale importanza per la vostra salvaguardia economica.

Controllate che siano proprietari di regolari licenze rilasciate dai maggiori organi preposti al controllo come la CySEC per l’Europa e la CONSOB per quanto riguarda il nostro territorio nazionale.

Questa dovrà essere la vostra prima priorità, ancor prima di iniziare ad affidare i vostri capitali ad una società che in fin dei conti non conoscete e dovrete essere sicuri della loro serietà e lealtà.

Non fatevi abbindolare da quei broker che vi promettono guadagni spaziali e che affermano di non richiedere nessun tipo di commissione, lo fanno esclusivamente per attirare clientela e al 100% sono società pirata.

I broker più affidabili sono quelli che guadagnano soltanto sui tassi di spread e non richiedono commissioni particolari, prestate sempre attenzione a questo punto.

Nel momento in cui viene fondata una società sono presenti soltanto i soci fondatori e i primi investitori di fiducia, col passare del tempo, specialmente se la società effettua un cammino positivo subentra l’esigenza di aumentare il capitale monetario della società stessa.

In questo caso si passa alla creazione e conseguente emissione di azioni che rappresentano delle particelle minori unitarie del capitale totale, la società vendendo queste azioni a compratori interessati diluisce il capitale iniziale a più persone incassando gli utili.

Da questo momento in poi si innesca un meccanismo di compra vendita dato che ogni azionista può, a sua discrezione, comprare maggiori azioni o vendere le proprie.

Le azioni che vengono distribuite possono essere di tipo ordinario o privilegiate, la differenza è che le seconde offrono dividendi maggiori a chi le possiede e nel caso in cui la società venisse chiusa sarebbero le prime ad essere rimborsate.

Quelle ordinarie non sono altro che quelle che vengono quotate in borsa e il prezzo viene a crearsi in base alla legge della domanda e dell’offerta.

Utilizzare sempre l’Analisi tecnica

L’analisi tecnica è una metodologia che consente di prevedere la tendenza di un determinato prezzo di uno strumento finanziario, utilizzando le statistiche di mercato.

In poche parole l’analisi tecnica analizza i grafici che mostrano la cronologia di trading e le statistiche per la sicurezza.

Per effettuare l’analisi tecnica i trader iniziano con grafici che indicano il prezzo e la cronologia del volume di una negoziazione di un determinato titolo o indici ecc, nonchè di altre misure statistiche come medie mobili, massimi e minimi e variazioni percentuali.

Lo scopo è di usare i grafici per determinare le tendenze e variazioni in tali tendenze. Ci sono diversi tipi di tendenze o indicatori per interpretare i dati di negoziazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *