Trading Indici di Borsa

Trading Indici di Borsa. Cosa sono e come investire?

Gli Indici di Borsa o anche detti indici azionari sono un insieme di azioni realizzate per controllare uno specifico mercato, valuta o un’altra attività.

Ad esempio il NASDAQ-100 (NDX) è un indice che è costituito da più di 100 importanti società non finanziare che sono quotate sul NASDAQ.

Gli indici sono noti come panieri, dove appunto sono raccolte diverse società quotate in Borsa. Se ad esempio si investe nel Dow Jones (DIJA) si sta speculando su 30 titoli presenti nel paniere dell’indice. In questo modo si è “proprietari” di 30 società diverse.

Con la nostra guida vi illustreremo i più importanti indici di borsa e inoltre vedremo che si può investire su di essi tramite diversi metodi, uno tra questi è il trading CFD.

Grazie al trading online si può investire sugli indici di borsa anche con pochi soldi e si possono ottenere profitti anche in un breve lasso di tempo.

Bisogna scegliere broker online professionali che mettono a disposizione piattaforme di trading dove è possibile fare anche trading CFD su indici di borsa con pochi soldi.

I broker devono essere certificati e regolamentati ad esempio da CySEC per quanto riguarda l’Europa e da CONSOB per quanto riguarda in specifico l’Italia.

Di broker online ce se sono molti, noi vi indichiamo i migliori broker dove è anche possibile aprire gratuitamente un Conto Demo per esercitarsi:

Cosa sono e come funzionano gli Indici di Borsa

Gli indi di Borsa sono stati realizzati per rappresentare uno specifico mercato o asset.

Perciò ci sono indici che sono costituiti da aziende che sono specializzate in un determinato settore. Ad esempio si può parlare di società che si occupano dell’estrazione dell’oro o di altri metalli preziosi. Quindi se vi va ad acquistare quell’indice si entrerà in relazione con quel settore senza dover acquistare singolarmente ogni azione di quelle società presenti in tutto il mondo.

Si parla di ponderazione dell’indice, ovvero all’interno di un indice a ogni titolo viene attribuito un valore relativo e tutti questi contribuiscono a definire il valore complessivo dell’indice.

Gli indici permettono di ottenere visibilità su specifici settori senza necessariamente far fronte al mercato azionario. Invece di comprare singolarmente ogni titolo di quel determinato mercato, con gli indici di borsa si acquista il paniere dell’indice opportuno.

Quali sono gli Indici di Borsa più importanti?

Quali sono gli Indici di borsa più importanti

Gli indici di borsa principalmente sono suddivisi in questo modo:

  • equally weighted: in un indice sono presenti titoli che sono pesati allo stesso modo. Questo sta a significare che si vanno ad acquistare azioni che hanno lo stesso valore.
  • price weighted: si tratta di un indice che è ponderato il base al prezzo, ovvero in proporzione al prezzo per ogni singola azione.
  • value weighted: come viene riportato sul sito www.borsaitaliana.it si tratta di “Metodologia di ponderazione per il calcolo di un indice basata sulla capitalizzazione dei titoli contenuti nel paniere”.

Inoltre ci sono gli indici di Borsa europei ed europei in area non euro.

Ecco l’elenco degli indici di Borsa più importanti:

  • Indice Euro Stoxx 50;
  • Indice CAC 40;
  • Indice DAX 30;
  • Indice FTSE MIB 40;
  • Indice HSI Hang Seng;
  • Indice S&P 500;
  • Indice FTSE 100;
  • Indice Nasdaq 100;
  • Quotazione indice Dow Jones 30;
  • Quotazione indice IBEX 35;
  • Indice Nikkei 225.

Indici di borsa FTSE 100

L’indice FTSE 100 è un indice azionario che è costituito da 100 società più capitalizzate. Si tratta di società che sono quotate al London Stock Exchange.

FTSE sta per “Financial Times Stock Exchange“, invece il numero 100 corrisponde al numero delle società che ci sono dentro al paniere.

Queste società rappresentano più della metà della capitalizzazione di mercato che riguarda la Borsa di Londra.

Quindi in unica quotazione sono raggruppate gran parte delle società più importanti.

L’indice FTSE segnala la condizione del mercato di Londra.

Nell’indice FTSE sono presenti società specializzate in diversi settori come ad esempio quello della telecomunicazione, quello farmaceutico, bancario, tabacco, assicurazioni e molto altro ancora.

Indici di borsa FTSE MIB

Il FTSE MIB è l’indice più importante della Borsa italiana. Rappresenta lo stato di salute dell’andamento di Piazza Affari.

FTSE è l’acronimo di Financial Times Stock Exchange di Milano. È costituito da 40 titoli azionari più importanti nella Borsa italiana.

A determinare la quotazione dell’indice FTSE MIB in particolare sono 10 società che possiedono i 2/3 della capitalizzazione totale.

Principalmente ci sono società specializzate nel settore industriale e finanziario.

Indici di borsa DAX 30

L’indice DAX 30 fa parte della Borsa di Francoforte ed è costituita da 30 titoli con maggiore capitalizzazione.

DAX è l’acronimo di Deutsche Aktienindex e 30 sta ad indicare i 30 titoli presenti nel paniere.

Le società rappresentano circa l’80% della capitalizzazione di mercato delle società quotate sul mercato azionario tedesco.

L’indice DAX è stato creato sia dalla Borsa di Francofore, sia dall’Associazione delle borse tedesche e sia dalla Börsen-Zeitung

A livello nazionale e internazionale è considerato l’indice principale per quanto riguarda il mercato azionario tedesco.

Indici di borsa CAC 40

L’indice CAC 40 è è il più importante per quanto concerne la Borsa di Parigi.

È stato realizzato nel 1988, CAC è l’acronimo di Cotation Assistèe en Continu e 40 è il numero delle società che sono presenti in questo paniere. Si parla di società con valore di mercato più elevato.

Queste società rappresentano circa l’80% del volume totale per quanto riguarda la Borsa francese.

L’indice CAC 40 è costituita da differenti aziende che appartengono a diversi settore che rappresentano lo stato di salute economico del Paese.

Indici di borsa NIKKEI 225

L’indice NIKKEI 225 più conosciuto come Nikkey o Nikkei Stock Average.

Il numero 225 rappresenta le più grandi aziende quotate nella Borsa giapponese. Si tratta di società diverse che provengono da differenti settori dell’economia.

Esattamente dall’anno 1971 l’indice Nikkei viene valutato dal giornale economico Nihon Keizai Shinbun, dal quale si sono ispirati per il nome dell’indice.

Fa parte del mercato del Tokyo Stock Exchange (TSE). In specifico si tratta di un indice che è ponderato in base al prezzo e questo lo rende simile al Dow Jones.

Il Nikkei è l’indice più quotato nella Borsa di Tokyo e contiene i maggiori titoli azionari giapponesi.

È un termometro che misura lo stato di salute economico del Giappone, ma non solo perché indica anche quanta fiducia hanno gli investitori nei confronti delle azioni giapponesi.

Indici di borsa S&P500

L’indice di borsa S&P 500 è un indice azionario americano, il più importante dell’America del Nord.

Il suo nome per intero è Standard & Poore. Il numero 500 sta a indicare il numero delle grandi società che sono quotate al NASDAQ o al NYSE.

Queste società sono suddivise in:

  • industriali (400);
  • finanziarie (40);
  • servizi pubblici (40);
  • trasporti (20).

È un indice che è riuscito a conquistare molti investitori, sebbene sia nato dopo l’indice Dow Jones.

In particolare si differenzia dagli altri indici americani perché è caratterizzata da un complesso sistema di ponderazione e di determinazione.

È un indice molto seguito, è considerato uno dei più importanti indicatori del mercato azionario statunitense.

Gli ETF sono un’alternativa agli Indici di Borsa

Gli ETF (Exchange-Traded Fund) sono simili agli indici, imitano gli altri mercati e beni.

Sono caratterizzati da più di un titolo, si potrebbe definire come un mini-portfolio.

Acquistando un ETF si va a acquistare un intero pacchetto di indici e quindi non c’è bisogno di fare più transazioni per ottenere un intero lotto di quello specifico indice.

Speculare con gli ETF comporta molti vantaggi, tra questi c’è la facilità di scambio. Chi prima investiva ad esempio nei classici fondi comuni di investimento e indici oggi preferisce farlo con gli ETF.

Inoltre con il fatto che contengono azioni differenti tra loro, aiuta a diversificare il proprio portfolio e di conseguenza si riescono a bilanciare i propri guadagni e le proprie perdite.

Fare Trading sugli indici di Borsa

Fare Trading sugli indici di Borsa

In confronto al passato, oggi investire sugli indici di Borsa è molto più pratico e semplice.

Anche se il mercato azionario classico ha fatto guadagnare molto denaro a chi lo ha saputo sfruttare, adesso si preferisce investire tramite il trading online.

I motivi sono tanti, uno tra questi è la maggiore libertà, ovvero i trader possono effettuare autonomamente i propri investimenti.

Si possono acquistare e vendere qualunque azione si desidera e in qualsiasi momento della giornata.

Bisogna tenere sempre in conto che si tratta di un investimento che comporta dei rischi. Ma quale investimento non è pericoloso? Basta fare attenzione e prendere le dovute precauzioni.

Le azioni sono volatili, quindi una brutta notizia o un abbassamento degli utili può causare l’abbassamento del valore delle azioni, o viceversa notizie positive di mercato potrebbero farlo salire.

La volatilità può essere ottima sia per ottenere degli buoni profitti, ma allo stesso tempo se il valore non procede nella nostra direzione può essere la causa di forti perdite.

Fare trading online sugli indici di Borsa comporta molti vantaggi, tra cui il risparmio economico. Prima per comprare le azioni ci si doveva rivolgere esclusivamente alle banche e questo comportava il pagamento delle commissioni molto alte.

Il trading invece prevede in particolare il pagamento dello spread, ovvero per ogni operazione viene calcolata la differenza tra il prezzo di apertura e il prezzo di chiusura.

Trading CFD su azioni

Per fare trading CFD sugli indici di Borsa è necessario rivolgersi a broker online che offrono piattaforme di trading sulle quali è possibile effettuare i propri investimenti.

Con il trading CFD (Contract for Difference) è possibile comprare o vendere le azioni in qualunque momento lo si voglia.

Può farlo chiunque, questo metodo ha aperto le porte del mercato finanziario a tutti, anche ai piccoli investitori. Questo perché ha reso la compravendita più facile e poco costosa.

Si tratta sempre di operazioni che comportano dei rischi quindi è bene che il trader sia preparato, che sia in grado di leggere i movimenti di prezzo sui grafici prima di effettuare il suo investimento. In questo modo sarà in grado di individuare le operazioni più profittevoli e quelle da evitare.

Questo strumento finanziario permette di fare trading di medio/lungo termine e trading a breve termine.

Il trader deve essere in grado di capire la direzione del prezzo sul mercato finanziario per decidere poi se è il caso di procedere con l’acquisto o con la vendita dell’asset sottostante.

Perciò se si pensa che il valore crescerà si dovrà comprare (andare Long), al contrario se si pensa che il valore calerà si dovrà vendere (andare Short).

I profitti nel trading CFD sono determinati sia dal quanto capitale si è investito e sia dal livello della leva finanziaria con la quale si è scelto di operare.

Esempio di Trading CFD con 24option

Ora vi riportiamo un esempio utile che riguarda l’operazione di trading CFD con il broker 24option.

Avete la possibilità di investire tramite il Conto Demo Gratuito che vi mette a disposizione 24option. Avrete modi di effettuare operazioni con un capitare di 100.000€. 

Quando vi si apre la piattaforma la prima cosa che dovete andare a cercare è la sezione Filter che si trova in alto a sinistra. Qui si può selezionare qualsiasi tipo di asset, nel nostro caso abbiamo cliccato si Azioni

esempio cfd1

Una volta cliccato su Azioni appare la lista dove si può scegliere quella sulla quale si vuole investire.

esempio cfd2-1

Dopodiché si deve inserire il Volume in lotti che si vuole investire.

esempio forex 24option3

A questo punto, in base alla propria previsione, si deve scegliere se Vendere o Acquistare l’azione.

esempio forex 24option4

Poi si ha la possibilità di impostare i valori di Stop Loss e Take Profit e infine si deve aprire il Trade.

esempio forex 24option5

Effettuato l’investimento lo si può monitorare andando nella sezione Trade Aperto. Qui si ha la possibilità di attendere la chiusura automatica oppure si ha la possibilità di chiuderlo manualmente.

esempio forex 24option6

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *