Trading oro

Trading Oro: Investire in Oro Quotazioni in tempo reale

La materia prima Oro

Sappiamo tutti che la materia prima oro è di fatto la più antica al mondo, è presente fin dalla notte dei tempi, in un primo momento veniva utilizzata per creare gioielli o coniare monete.

Principalmente veniva usata come moneta di stato poi, attorno al novecento la maggior parte degli stati presenti al mondo decise di adottare il sistema aureo che ancorava questa materia prima al dollaro americano, valore che era stato stabilito a 35 dollari per ogni singola oncia troy.

Questo metodo fu utilizzato fino al 1971 quando si verifico il “Nixon shock” dove venne deciso dall’America in primis, di abbandonare questo sistema di convertibilità diretta oro/dollaro per passare all’attuale quotazione diretta in base alla regola di mercato della domanda e dell’offerta.

La motivazione principale di questa decisione fu perchè il Presidente degli Stati Uniti dell’epoca, appunto Nixon, si accorse che le riserve auree dell’america stavano pian piano esaurendosi e allora decise di correre ai ripari.

Col passare del tempo tutti gli stati del mondo si associarono alla decisione americana dando vita appunto al nuovo sistema di quotazione dell’oro.

Quotazioni Oro in tempo reale


Lingotti d’Oro

Tutti gli stati del mondo dispongono di una propria riserva aurea che è stipata in particolari caveau, tengono da parte questa materia prima nel caso in cui si possano verificare dei periodi di forte crisi finanziaria, ogni lingotto pesa dodici chili e mezzo che corrisponde a 400 once troy, quest’ultima rappresenta il sistema di misura dell’oro.

Ovviamente una persona normale non avrebbe molte possibilità di acquistarli visto che il prezzo di un singolo lingotto si aggira attorno ai 350.000 euro, proprio per ovviare a questo problema sono stati introdotti sul mercato azionario i lingotti di piccolo taglio.

Dopo l’introduzione di questi, chiamiamoli, mini lingotti il mercato dell’oro è cresciuto in maniera esponenziale visti i molteplici casi di instabilità che si verifica spesso nei vari governi mondiali, ricordate che l’oro è considerato un metodo di rifugio nei casi di crisi finanziaria.

Ricordate che esiste una legge che dice che un singolo lingotto per essere considerato buono deve avere una purezza del 99,95%, se non rientra in questa casistica non viene considerato come un investimento.

Investire in Oro con i futures

La maggior parte delle volte un investitore acquista lingotti d’oro e poi resta in attesa che la quotazione della materia prima salga di valore, se questo accade provvede a rivendere il bene per ricavarci un guadagno.

Per una più alta sicurezza il trader provvede ad acquistare futures sull’oro all’interno della borsa merci impegnandosi a comprare al momento della scadenza il bene al prezzo e quantitativo indicato.

Il trader cerca di rivendere il bene prima della scadenza del contratto in modo tale da evitare il passaggio di proprietà effettivo visto che i futures rappresentano un’acquisto nominale e non effettivo. I futures offrono un livello di affidabilità maggiore in confronto ad altri mercati azionari, oltre questo offrono anche un’altissimo livello di liquidità vista la enorme mole di contratti che vengono negoziati ogni singolo giorno, per finire c’è da dire che le commissioni sono molto basse e gli introiti possono essere incassati immediatamente.

Investire in Oro con le Azioni

La maggior parte delle volte i trader invece di investire sulla materia prima dell’oro preferiscono effettuare le loro manovre di trading sfruttando le azioni relative alle società minerarie.

La cosa importante è data dalla giusta scelta dei titoli sul quale investire perchè molte volte succede che il titolo possa far registrare delle performance nettamente migliori della stessa materia prima di riferimento.

Ovvio che le azioni sono direttamente legate al prezzo della materia prima e questo è l’unico fattore che può influenzare il prezzo finale, esistono anche altre cause che possono influenzare il prezzo delle azioni come per esempio i costi gestionali societari, la relativa forza del bilancio societario, gli eventuali insolvenze a carico della società stessa, in quale luogo vengono distribuiti i prodotti e per finire la redditività che viene associata alla qualità della gestione aziendale unitaria.

I trader possono tranquillamente sfruttare questi fattori per riuscire ad impostare investimenti migliori e questo vale anche per i trader più inesperti.

Trading online su Oro con i CFD

I contratti per differenza conosciuti meglio con l’acronimo CFD rappresentano un contratto diretto che il trader stipula con il broker di riferimento, ricordate che questi sono degli strumenti derivati quindi la loro valutazione dipende in maniera diretta da un’altro asset che viene denominato sottostante.

Quando si effettuano operazioni di trading CFD non si entra realmente in possesso del bene che viene “tradato” ma si effettuano solamente delle manovre speculative sulla quotazione del prezzo e si può ottenere un guadagno sia che la quotazione salga (come nel mercato azionario), sia che questa scenda.

I vantaggi nell’utilizzo dei CFD possono essere svariati, non esistono commissioni legate alle operazioni di trading e gli investimenti possono essere molto più consistenti anche se le cifre monetarie necessarie non sono in possesso del trader, questo grazie all’utilizzo della leva finanziaria.

Si può “tradare” praticamente sempre, sette giorni sui sette, 24 ore su 24 e si possono aprire posizioni a lungo, medio e corto raggio temporale.

Investire in Oro con gli ETC

All’interno dei mercati borsistici mondiali vengono “tradate” anche le materie prime come l’oro e l’argento e rientrano nella categoria delle ETC (Exchange Traded Commodities), sono molto sfruttate dai trader perchè offrono facili possibilità di guadagno.

Se un’investitore decide di effettuare delle manovre di trading sull’oro deve sapere che il prezzo del bene è fissato sull’immediata fornitura o sul prezzo di quella singola materia prima che poi verrà fornita in un secondo tempo.

Anche gli ETF vengono scambiati nei mercati borsistici con gli stessi vantaggi degli ETC, sussiste soltanto una piccola ma importante differenza, che gli ETC in caso di insolvenza dell’emittente non sono coperte con alcuna assicurazione.

Per cercare di rimediare al problema della mancanza di copertura il trader può optare per gli ETC a supporto fisico, utilizzando questi il trader potrà vedere il prezzo spot del bene che di per se rappresenta una garanzia fisica.

Oltre questi sono presenti anche gli ETC in forma collaterizzata che hanno delle garanzie fisiche reali che vengono verificate ogni giorno.

Strategie sul trading online Oro

Come sappiamo tutti, la materia prima dell’oro è considerata un bene di rifugio per i propri capitali nel caso in cui si verifichi un periodo di forte crisi finanziaria.

I trader possono mettere in campo svariate strategie quando effettuano investimenti su questa materia prima, molti sfruttano la strategia chiamata “stagionale” invece altri sfruttano i grafici di Fibonacci.

Noi siamo dell’idea che le operazioni di trading possono essere effettuate a prescindere dalla stagionalità, si possono mettere in campo investimenti a corto o lungo termine, comunque sia, secondo noi, investire sull’oro resta sempre una scelta vincente perchè permette di salvaguardare i risparmi accumulati nel tempo.

Cercate di impiegare metodologie specifiche, un buon trader deve riuscire a capire in tempi brevi se la materia prima sarà più sensibile ad un rialzo o ad una flessione e sfruttarle a suo guadagno.

La stagionalità dice che l’oro ha un’andamento al rialzo durante i primi mesi dell’anno, il trader riuscendo a seguire i cicli potrà determinare in maniera quasi infallibile l’andamento del prezzo.

Inflazione dell’Oro

Quando si verifica un consistente aumento dell’inflazione il trader inizia ad effettuare la maggior parte dei propri investimenti sulla materia prima oro per cercare di proteggere il proprio capitale.

Molti sono dell’idea che in tutti questi anni la materia prima dell’oro sia stata di gran lunga sopravvalutata e molti affermano che le migliori performance le ha fatte registrare quando si sono verificati degli shock inflazionistici e di conseguenza questa materia veniva utilizzata come copertura finanziaria.

Tutti gli investitori temono l’inflazione perchè sono convinti che più sale questa e più salirà il valore dell’oro ma in verità non è proprio così.

Se dovessimo effettuare una specie di relazione fra il prezzo dell’oro e il tasso di inflazione noteremo che questo risulterebbe essere piatto, infatti molti anni fa i vari governi presero la decisione di stabilizzarne il prezzo ma il potere di acquisto non cambiò, il prezzo di una relativa oncia d’oro rimase immutato.

Oramai il prezzo dell’oro segue l’andamento dei tassi di inflazione quindi, di conseguenza, quando questa aumenta anche il relativo prezzo di questa materia prima sale e viceversa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *